Non sanno perchè fa notte!

Leggo or ora su La Repubblica Online una notizia che dovrebbe far pensare e parecchio, ne riporto uno stralcio:


La figuraccia rimediata nelle cosiddette litercy (letteratismo) in Matematica, Scienze e Lettura dai quindicenni italiani è stata definita dallo stesso ministro “un’emergenza non solo della scuola italiana ma di tutto il sistema paese”. “Per questo – spiega Fioroni – porrò la questione al prossimo Consiglio dei ministri e, dopo Natale, in un incontro con il premier, Romano Prodi, e il ministro dell’Economia, Tommaso Padoa-Schioppa, per mettere rapidamente in atto un piano straordinario che coinvolga anche la riqualificazione e aggiornamento professionale dei docenti”.

Ma come mai tanto allarme? Dai questionari somministrati per il Pisa 2006 ad oltre 21 mila quindicenni italiani emerge un livello di conoscenze piuttosto scarso se si considera il livello altamente tecnologico dell’ambiente in cui vivono i nostri adolescenti. Il 62 per cento non sa “il perché del giorno e della notte”. La stragrande maggioranza non sa spiegare, dunque, che l’alternanza del giorno e della notte è dovuto alla rotazione della terra intorno al proprio asse. 

“ 

Ora…nella parte che ho sottolineato emergono due cose:
1. si sono accorti che il sistema scolastico fa acqua da tutte le parti
2. nonostante l’italia sia tecnologicamente una delle zone meno progredite d’europ, questi rimbambiti di polici continuano a sostenere il contrario

…ora…secondo me ci credono davvero! Davvero credono che siamo tecnologicamente avanzati? Sarà forse perchè i bimbominkia hanno accesso a console di ultima generazione e rete a banda più o meno larga? Non lo so…fatto sta che come al solito non hanno capito che è l’intero corpo docente ad essere affossato in tutti questi anni di schifezze politiche, contratti non adeguati ecc ecc. Non hanno capito che quelli che non vanno bene sono loro ed i quindicenni sono solo l’espressione di come la politica penetra in tutte le cose.
In italia (volutamente con la minuscola) ci troviamo nella situazione in cui la vecchia figura del maestro ha perso d’importanza e di prestigio, in cui fare il maestro/a significa accontentarsi solo perchè è uno dei pochi posti fissi rimasti, ormai sono pochissimi i maestri/e veri che lo fanno per vera passione e alla fine il problema è sempre lo stesso: Classe Politica Inadeguata; peccato che come al solito sia sempre più facile addossare i problemi agli altri…

my 2 cent

Commenti

commenti

Lascia un commento