Traveller la recensione!

Traveller

Viaggiatori tra le Stelle

(nota: l’immagine di copertina fa riferimento all’edizione americana)

Edito da: WildBoar Edizioni
Lingua: italiano
Pubblicato nel: 2008
Pagine e rilegatura: 192 pagine, brossurato
Prezzo: 30 EUR

Introduzione
Con il suo aspetto elegante fatto da copertina nera con scritta rossa il manuale in oggetto altro non è che la nuovissima edizione di Traveller, il primo e più longevo gioco di fantascienza dal quale tutti gli altri negli anni a seguire hanno grossomodo tratto ispirazione. L’edizione che ci ritroviamo a recensire è basata su quella detta “Classic Traveller”, in quanto dovete sapere che oltreoceano ci sono state diverse edizioni di questo gioco ma tra tutte, quella che i fan hanno apprezzato maggiormente pare sia proprio quella che ci apprestiamo a recensire la quale non è un mero lavoro di traduzione ma un’opera che oserei classificare come riveduta e corretta in quanto tra i curatori spicca il nome di Marc Miller ovvero il creatore del gioco stesso, oltre all’esperienza di coloro i quali sono da sempre appassionati di fantascienza e giocatori del gioco in questione, ma l’edizione italiana presenta miglioramenti non solo dal punto di vista dei contenuti, ma anche dal punto di vista grafico, poichè come potrete notare alcune immagini sono state riviste e migliorate. Tutto questo contribuisce a far si che l’edizione italiana di Traveller sia l’edizione più completa e robusta, dal punto di vista regolistico, mai uscita. Bene vediamo meglio questo libro di sole regole che non smetterà di stupirvi per la sua completezza.

Aspetto
Il manuale si presenta come un libro brossurato in formato A4 di 192 pagine in bianco e nero. La sua copertina nera con scritta rossa ricorda un altro gioco di ruolo che diciamo tratta grossomodo lo stesso argomento, ma possiamo dire senza temere di errare che è il secondo ad ispirarsi a Traveller in quanto semplicemente più vecchio. L’aspetto complessivo del manuale fa molto vecchio stile con immagini fatte a mano ed un layout grafico semplice ed essenziale che risulta abbastanza chiaro e scorrevole. Tutto ciò contribuisce a dare un aspetto di classicità al manuale.

Sole Regole?!
Il manuale comprende 192 pagine di sole regole con cui poter ricreare tutto quello che vi viene in mente, dalla creazione guidata degli incontri a quella della fauna, degli ecosistemi e dei pianeti, e non solo, c’è davvero tutto quello che serve ad un master per poter generare qualsiasi cosa vi venga in mente. Queste stesse regole permettono sostanzialmente di avere diversi livelli tecnologici i quali permettono di dare alle proprie campagne/sessioni un’impronta decisamente varia; si va dall’età della pietra a quella in cui i motori per astronavi che permettono viaggi di anni luce in poco tempo sono abbastanza comuni; infine sempre grazie a questa corposa dose di regole potrete ricreare praticamente tutti i setting che vi ispirano.
La creazione del personaggio è decisamente elaborata e a tal proposito vi consiglio di leggere i numerosi esempi e di seguirli cercando di capire come si arriva a certi risultati, scoprirete qualche piccolissima inesattezza e se riuscite a scoprirla vuol dire che state capendo tutto, tuttavia questa stessa creazione vi permetterà di far nascere dei personaggi con un background degno di nota, semplicemente seguendo per filo e per segno i passi della creazione del vostro personaggio. La creazione sostanzialmente automatica del backgroud del personaggio contribuisce anche a dare spunti al master per le proprie campagne, il che non fa mai male.
La possibilità di creare praticamente tutto partendo da zero si traduce sostanzialmente in una notevole mole di lavoro da fare prima della campagna, specie all’inizio, poi il tutto dovrebbe scorrere senza grossi problemi anche in virtù del sistema che è decisamente semplice; ho parlato di campagna non a caso, in quanto il gioco in questione si sposa molto bene con campagne di ampio respiro e da una durata di almeno qualche mese, certo, potrete anche farci le one shoot ma non ha lo stesso sapore di una bella campagna fantascientifica in cui vedere il proprio personaggio nascere, crescere ed evolversi.

Sistema di Gioco
Sicuramente avendo letto che il manuale è praticamente composto interamente da regole state pensando ad un sistema estremamente difficile; ebbene non è per nulla così e ve lo riassumo in pochissime righe. Innanzi tutto il sistema generico prevede l’uso di soli dadi a 6 facce (d6 d’ora in poi) e volendo riassumere all’osso il tutto una Prova consta di: 2d6 + Modificatore, con un 8 o più l’azione ha successo.
Volendo spingerci un attimo più a fondo diciamo che ci sono prove di caratteristica e prove di abilità, le prime vengo eseguite utilizzando come modificatore la caratteristica, mentre le seconde utilizzano come modificatore sia la caratteristica che l’abilità.
Questo è quanto, tutto molto lineare e logico, vi basti pensare che anche la psionia segue le medesime meccaniche, mentre il resto del manuale consta di guide per creare ogni cosa che vi venga in mente.

Struttura del manuale

Nelle sue 192 pagine il manuale presenta la seguente struttura, che non commenterò sezione per sezione in quanto molte sono estremamente autoesplicative:

Traveller
Creazione del Personaggio
Abilità e Compiti
Combattimento
Incontri e Pericoli
Equipaggiamento
Progettare Astronavi
Astronavi Comuni
Operazioni Astronavali
Combattimento Spaziale
Psionia
Commercio
Creare Mondi
Indice Analitico

Il manuale quindi ha un’organizzazione abbastanza logica e l’indice analitco finale rende estremamente facile trovare tutto quello che ci serve senza troppo sforzo, il sistema è racchiuso nel capitolo Abilità e Compiti il quale consta di sole 12 pagine in cui oltre ad essere spiegate i vari tipi di prove, vengono spiegati anche tutti i modificatori di sorta. Il capitolo sul combattimento consta di sole 9 pagine; in definitiva quindi l’intero sistema consta di un totale di sole 21 pagine lasciando le restanti 170 per poter dare le linee guida per creare incontri, equipaggiamento, astronavi, pianeti ecc ecc.
Ogni capitolo fornisce da solo spunti per diverse avventure se non per intere campagne, ed in genere mentre si legge il manuale la mente viaggia sulle ali della fantasia modellando storie di stampo fantascientifico senza troppi probemi ed il sistema viene incontro proprio per creare tutto quello che può contribuire a rendere interessante le vostre storie. Tutto questo a discapito di un elevato periodo di preparazione del materiale da parte del master.
Leggendo il manuale si nota che in ogni caso vi sono dei riferimenti a quello che può essere definito un setting, ebbene lo sono, poichè dovete sapere che Traveller ha anche un suo setting vero e proprio, tuttavia proprio di questo non se ne sente la mancanza in quanto con tutta la carne al fuoco che è possibile mettere difficilmente una vostra idea rimarrà irrealizzabile.
Quando leggete traveller state leggendo un pezzo di storia del gioco di ruolo che è riuscito a superare indenne quasi un ventennio, stiamo parlando del gioco che ha praticamente dato orgine a tutti i giochi sci-fi/cyberpunk insomma finalmente possiamo leggere questo splendido volume che promette di regalare ore e ore di divertimento, specie a chi la fantascienza la mastica di già e magari potrebbe far incuriosire la gente che alla fantascienza non ha mai strizzato l’occhio

In Breve
Il capostipite dei giochi di ruolo fantascientifici è finalmente tra noi, peccato per gli anni di ritardo con cui è uscito. Se siete alla ricerca di un sistema di regole con cui rendere grossomodo qualsiasi setting fantascientifico, bene l’avete trovato! Il prezzo da pagare per tanta potenziale diversità però è il tempo che si impiega per creare il tutto, specie all’inizio, tuttavia il fascino di questo gdr si vede e si sente.

Voto: 7,5
Recensione a cura di: Giovanni D’Addabbo
Sito Ufficiale Italiano: http://www.wildboar.it

Commenti

commenti

Lascia un commento