Come realizzare un MVP (Minumum Viable Product)

Condividi l’articolo su

MVP sta per Minumum Viable Product e in questo articolo andiamo a vedere come Y Combinator istruisce i suoi studenti in merito

MVP sta per Minumum Viable Product e ho deciso di riportare quanto detto da Michael Seibel , amministratore delegato e partner del gruppo di Y Combinator, il quale condivide il suo approccio alla creazione di un MVP e all’acquisizione dei primi utenti come startup pre-lancio.

Perché è importante realizzare prima un MVP?

Come consulente, sviluppatore ed innovation manager vengo spesso chiamato per “idee rivoluzionarie” che poi non risultano essere poi così rivoluzionarie…ma perché?

Una rivoluzione la si fa avendo un pubblico e risolvendo un problema (e questo è il motivo per cui tutta la manfrina su realtà aumentata e annessi e connessi non avrà successo al momento).

Ma come si fa ad individuare cosa davvero realizzare e capire se c’è il favore del pubblico? E’ in questo passaggio che ci viene incontro la realizzazione di un MVP!

Guarda e/o continua a leggere se:

  • non hai ancora creato un MVP
  • stai cercando di capire quali funzionalità inserire nel tuo MVP
  • stai costruendo un MVP ma non hai ancora nessuno che lo usi
  • il lancio del tuo MVP sta impiegando più tempo del previsto

Maggiori informazioni sui fondamenti del ciclo di sviluppo prodotto sul blog di Michael

Trascrizione del video

Michael: Il mio nome è Michael. Lavoro qui a Y Combinator. Aiuto a premere l’acceleratore. Prima di ciò, ho realizzato due startup YC, una nel 2007 e una nel 2012. E oggi vi parlerò del minumum viable product, quindi MVP. Urliamo sempre ai fondatori di non usare il gergo, eppure abbiamo tutta una serie di stupidi gerghi da startup e MVP è uno di questi. Quando pensi a un MVP, dovresti pensare a qualcosa di ridicolmente semplice. Questa è la prima cosa che puoi dare al primissimo gruppo di utenti a cui vuoi rivolgerti, per vedere se riesci a fornire loro qualche valore. Questo è tutto. È estremamente semplice.

So che la settimana scorsa avete parlato di come trovare idee, di come trovare problemi che volete risolvere. Quello che ti dirò è che è utile parlare con alcuni utenti prima di decidere di costruire il tuo MVP. Ciò non significa che devi dedicarti a una situazione di ricerca di tre anni, o che devi lavorare nell’industria per 10 anni. Ma alcune conversazioni sono utili. È ancora più utile se sei il tuo utente, così puoi capire se il tuo prodotto funziona per te. Ricevo sempre questa strana domanda su come posso ottenere i miei primi utenti, il che mi confonde sempre perché in teoria sei tu a decidere di risolvere un problema che sai che qualcuno ha. Quindi, nel modo in cui ottieni i tuoi primi utenti, parli con quella persona che sai che ha il problema. E se sei tu, è ancora più semplice. Quindi, se stai costruendo un prodotto per un misterioso gruppo di utenti che non hai idea di chi siano, mettilo leggermente in discussione. Molto leggermente.

Va bene. Quindi, l’obiettivo di una startup pre-lancio è estremamente semplice. Primo passo: avvia rapidamente. Questo è qualcosa che fa parte dell’etica di YC fin dall’inizio, ed è stato un ottimo consiglio per 10 anni, e continua ad essere un ottimo consiglio. Se riesci ad allontanarti da una cosa di questa presentazione, è lanciare qualcosa di brutto, rapidamente. Questo è tutto, letteralmente, il resto di quello che dirò sarà fondamentalmente una versione riassunta della stessa cosa.

La seconda cosa che una startup in fase iniziale deve fare è acquisire alcuni clienti iniziali. Fai in modo che chiunque utilizzi il tuo prodotto. Non è necessario avere una visione di come convincere tutti a usarlo, ma semplicemente chiunque interagisca e veda se ottiene valore dal prodotto. Rimarrai sorpreso dal numero di viaggi dei fondatori che terminano prima che un singolo utente abbia effettivamente interagito con un prodotto che ha creato. È molto, molto comune. Quindi, per favore, supera questo passaggio. È estremamente importante.

Il prossimo è parlare con i tuoi utenti, chiunque di loro, dopo aver lanciato questo MVP e ottenere feedback. Questo è anche un errore estremamente comune, perché la maggior parte dei fondatori ha in testa un’idea di ciò che vuole costruire. E quindi hanno questa strana sensazione che se non ho ancora costruito il tutto, ottenere feedback sulla pessima cosa iniziale è abbastanza inutile. “Certo, non funzionerà. Non è la cosa completa. Ci vorranno tre anni, 10 milioni di dollari, un’intera squadra. Quindi il feedback sulla piccola cosa è inutile.”

La realtà è che, in un certo senso, l’intera cosa è questa idea davvero fantastica nella tua testa che dovresti tenere in testa, ma dovrebbe essere molto, molto flessibile, perché potrebbe rivelarsi che l’intera cosa che vuoi costruire non è non è affatto quello che vogliono i tuoi clienti. Quindi, ho questo detto: tieni stretto il problema che stai risolvendo, tieni stretto il cliente, mantieni liberamente la soluzione che stai costruendo.

E ultimo e più importante, ripetere. (NDT: questo ciclo di interazione è proprio del growth hacking non trovi?) E mi piace distinguere tra iterazione e rotazione. Molti fondatori, una volta che hanno capito come costruire qualcosa, se ne innamorano. Quindi, se non funziona per un certo gruppo di utenti, iniziano a pensare: “Bene, mi chiedo quali altri problemi può risolvere questa cosa? Beh, sai, questo cacciavite in realtà non è bravo ad avvitare qualcosa, ma io mi chiedo quali altri problemi potrebbe risolvere.” E loro dicono: “Oh, forse puoi usarlo per cucinare. Forse puoi usarlo per pulire”. Ed è come, no, il problema era che dovevo avvitare qualcosa, l’utente era, tipo, un meccanico, e se il tuo cacciavite non aiuta il meccanico a risolvere il problema, mantieni il meccanico, mantieni il problema, Devo avvitare qualcosa, aggiustare quel dannato cacciavite. Cioè, è questa la cosa che si è rotta, giusto? La cosa rotta non è il meccanico, e non è il fatto che abbiano bisogno di avvitare qualcosa. Quindi, ripeti. Continua a migliorare la tua soluzione finché non risolve effettivamente il problema.

Nella maggior parte dei casi, la maggior parte delle persone dovrebbe costruire un MVP molto snello. Con questo intendiamo che dovresti essere in grado di costruirlo velocemente, in settimane, non in mesi. Ciò può coinvolgere software o, onestamente, vediamo che le startup iniziano semplicemente con una landing page e un foglio di calcolo. Ma la maggior parte delle startup può iniziare molto, molto velocemente.

Funzionalità estremamente limitate. Devi condensare ciò di cui il tuo utente ha bisogno, ciò di cui ha bisogno il tuo utente iniziale, in un insieme di cose molto semplici. Molte volte, i fondatori vogliono affrontare tutti i problemi dei loro utenti e di tutti i loro potenziali utenti, quando in realtà dovrebbero concentrarsi solo su un piccolo gruppo di utenti iniziali e sui loro problemi di ordine superiore, e poi ignorare il resto fino a dopo . Dovresti avere una visione di tutti. Dovresti avere un MVP, molto piccolo. Tutto ciò è una base da cui ripetere. Questo è tutto. È solo un punto di partenza. Non è speciale in alcun modo. Devi solo iniziare. Quindi, assicurati di non ritenere che il tuo MVP sia troppo speciale.

Va bene. Ecco un classico esempio. Questa (vedi il video ;)) è una delle prime landing page di Airbnb, credo nel 2008. Una delle cose che potrebbero interessarti nel primo prodotto di Airbnb è che non c’erano pagamenti. Quando trovavi un posto dove alloggiare su Airbnb, dovevi scambiare denaro di persona con l’host. Inutile dire che è stato un problema davvero grosso, ma hanno iniziato senza pagamenti. Nessuna visualizzazione della mappa. Sai come quando cerchi Airbnb puoi vedere dove si trova la casa in città? Non ce l’hai. Scusa. E la persona che scriveva tutto il codice, Nate, lavorava part-time. Va bene? Quindi tutti raccontano queste storie magiche su come tutto fosse perfetto fin dall’inizio. Airbnb, non di certo non lo era.

Il prossimo, Twitch. Questo era l’aspetto di Twitch il primo giorno. Non molto familiare. Beh, forse un po’ familiare. C’è qualche video lì e c’è qualche chat lì. A parte questo, nient’altro. Twitch è stato lanciato come Justin.tv , un reality show online. C’era solo un canale, Justin. Dovevi seguire la sua vita. Se non ti piaceva la sua vita, dovevi lasciare il sito web. Questo è tutto quello che c’era. Il video aveva una risoluzione estremamente bassa. È stato divertente, un fondatore mi ha chiesto in passato, tipo: “Oh, tipo, non era strano, voi ragazzi avevate un video nel vostro appartamento. Non c’erano tutti questi, tipo, documenti segreti e cose che, tipo , la gente sarebbe in grado di vedere?” Ed era come se potessimo a malapena riconoscere i nostri volti, per non parlare dei documenti che avevamo. E, cosa più importante, non c’erano i videogiochi. Niente videogiochi, a meno che non decidessimo di giocare ai videogiochi nel nostro appartamento. Ad esempio, quella è stata l’unica volta in cui sono apparsi i videogiochi. E quindi, diciamo che puoi farlo velocemente. Quando pensi a Twitch, ora è molto più complesso.

Ultimo, Stripe, che non era Stripe. Si chiamava /dev/payments perché, perché no? Ad esempio, creiamo un nome che sia davvero facile da ricordare. Questo è stato il primo giorno di Stripe. Nessun accordo bancario. Non ti dirò esattamente come elaborano i pagamenti, ma è stato in un modo molto da startup. Quasi nessuna funzionalità e, cosa ancora più interessante, se volessi utilizzare Stripe, i fondatori di Stripe verrebbero nel tuo ufficio e lo integrerebbero per te. Quanto è bello? Metà perché volevano disperatamente convincere qualcuno a usarlo, e metà perché era un ottimo modo per trovare bug prima che fossero gli utenti a trovarli. Integra te stesso.

Quindi questi sono solo tre esempi di MVP estremamente semplici ed estremamente veloci da costruire. Sono tutte aziende da miliardi di dollari e tutte hanno iniziato con qualcosa che la maggior parte delle persone direbbe piuttosto schifoso. In pochissimi casi, devi costruire un MVP pesante. Ho appena inventato quel termine, pesante MVP, quando ho fatto questa presentazione due giorni fa. Quindi, sai, forse diventa una cosa. Se operi in un settore con una regolamentazione significativa, come quello assicurativo o bancario, a volte i droni, anche se a volte no, è difficile da lanciare. È più difficile da lanciare. Devi prima passare attraverso un gruppo di organismi di regolamentazione. Se ti occupi di tecnologia dura, se costruisci razzi, è difficile costruire un razzo in un paio di settimane.

Biotecnologia, è difficile inventare un farmaco antitumorale in un paio di settimane. Lanci sulla Luna. Bene, riempi tutti gli altri spazi vuoti. È difficile scavare tunnel nella terra e avere veicoli estremamente veloci che sostituiscano le auto in un paio di settimane. Quindi, se ti trovi in ​​questa situazione, ricorda che il tuo MVP può iniziare con un sito web semplice e semplice che spieghi cosa fai. È utile, quando parli con le persone, interagisci con le persone in modo che possano fare riferimento a qualcosa. Quindi, questo può essere il tuo inizio e puoi costruire quel semplice sito web in pochi giorni, non in settimane. Quindi, in molti modi, forse i tuoi MVP pesanti sono più veloci dei tuoi MVP magri in qualche strano, strano modo.

Ora, voglio parlare per un secondo del lancio, perché molti fondatori hanno questo malinteso sul lancio. Vedono le grandi aziende lanciare cose e presumono che sia quello che fanno le startup. In effetti, vedono le aziende a cui pensano come startup, Facebook non è più davvero una startup, ma le vedono ricevere molta stampa e ricevere molto buzz e yada yada yada, e hanno in testa che questo è ciò che si presenta un’azienda di successo al momento del lancio.

Bene, lascia che ti faccia questa domanda. Quanti qui ricordano il giorno in cui è stato lanciato Google? No. Che ne dici di Facebook? Va bene. Che ne dici di Twitter? No, fantastico. Quindi si scopre che i lanci non sono affatto così speciali, ok? Quindi, se hai questa idea magica del tuo lancio magico che vuoi fare, buttala via. Non è così speciale. La cosa più importante è acquisire dei clienti. Quindi, per far sentire meglio le persone, usiamo termini diversi. Che ne dici del lancio quando ottieni clienti, e che ne dici di, tipo, lancio stampa, lancio stampa, davvero impressionante, è quando, tipo, le persone scrivono di cose ed è tutto eccitante e ottieni tutto questo brusio. Rimandiamo il lancio alla stampa e spingiamo il lancio di “ottieni qualsiasi cliente” davvero, molto presto. Questo è il nostro obiettivo qui.

È molto più difficile imparare dai tuoi clienti quando non hanno un prodotto con cui giocare. Sai, puoi parlare con i tuoi clienti tutto il giorno, ma non hai idea se la cosa che vuoi costruire possa risolvere il loro problema. Se metti loro la cosa di fronte e non risolve il loro problema, lo capisci subito. E quindi, tutta la ricerca nel mondo è buona, ma finché non riesci a mostrare qualcosa alla gente, non hai la minima idea se funzionerà. Quindi trascorrere tutto quel tempo su una presentazione non è prezioso quanto dedicare il proprio tempo a costruire qualsiasi cosa che si possa offrire a un cliente.

Infine, alcuni trucchi per costruire un MVP in modo estremamente rapido. Per prima cosa, specifica il tempo in base alle tue specifiche. Quindi, le tue specifiche sono l’elenco di cose che devi creare prima del lancio. Time box it. Dimmi, okay, cosa succede se voglio lanciare tra tre settimane? Ok, le uniche cose che potrebbero rientrare nelle mie specifiche sono cose che posso costruire in tre settimane. Questo ti rende la vita molto più semplice. Ti consente di rimuovere tutte le funzionalità che non puoi creare in tre settimane.

Secondo, scrivi le tue specifiche. Sembra davvero semplice, ma la maggior parte delle persone rovina tutto. È davvero facile cambiare ciò su cui stai lavorando prima ancora di lanciarlo, perché non lo scrivi mai. Inizi a lavorare su qualcosa, parli con un utente e loro dicono: “Oh, non lo userei mai” o, Dio non voglia, parli con un investitore e loro dicono: “Oh, quella non potrebbe mai essere un’azienda perché gli investitori sanno qualunque cosa.” E così decidi di cambiare ciò su cui stai lavorando. E poiché non l’hai mai scritto, non ti rendi nemmeno conto che lo stai cambiando. E così il tuo piano di tre settimane si trasforma in un piano di tre mesi. Se scrivi merda, almeno puoi essere onesto con te stesso dicendo che stai cambiando le tue specifiche continuamente.

Il prossimo è tagliare le tue specifiche. Dopo una settimana dall’inizio del tuo tipo di sprint di tre settimane, probabilmente ti sei reso conto di aver aggiunto troppe cose alle tue specifiche e di non aver rispettato la scadenza. Va bene. Taglia semplicemente le cose che chiaramente non sono importanti. E se non ci sono cose non importanti, inizia a tagliare le cose importanti. La maggior parte dell’obiettivo qui è semplicemente ottenere qualcosa nel mondo. Una volta che ottieni qualcosa nel mondo, lo slancio per far andare avanti qualcosa è estremamente forte. Una volta che ne hai, se non hai niente al mondo, è molto facile ritardare, ritardare, ritardare, ritardare. E infine, non innamorarti del tuo MVP. Così tante persone si innamorano della visione nella loro testa. E nessuno dei prodotti che ti ho mostrato prima era la visione iniziale, quello che alla fine è diventato. Quindi, per favore, non innamorarti del tuo MVP. È solo la prima tappa di un viaggio. Non ti innamoreresti di un compito che hai scritto in prima elementare. E, ad esempio, è il livello di impatto che spesso ha il tuo MVP. Va bene. Questo è il discorso. Ho un po’ di tempo per le domande. Qualsiasi domanda? Perfetto. Niente domande. Oh, vai avanti.

Donna 1: Sto scoprendo, parlando con gli utenti, di avere diversi segmenti di sottotipo e ovviamente ognuno vuole una cosa particolare, e un altro vuole una cosa particolare. Quindi, i numeri sono così piccoli che in un certo senso si equivalgono. Così come…

Michael: Ottima domanda. Quindi, parli con gli utenti e loro hanno tutte queste cose che vuoi costruire e non c’è molta sovrapposizione tra loro. Quindi, ti darò una sorta di meta risposta: non chiedere mai agli utenti funzionalità. Non chiedere mai agli utenti di dirti cosa vogliono. Non è compito dell’utente elaborare funzionalità. Questo è il tuo lavoro. Il compito dell’utente è crearti problemi. E quindi, suppongo che se parlassi con questi utenti, ci sarebbe una certa continuità nei problemi che hanno. Probabilmente non hanno idea di come risolvere il problema.

E quindi probabilmente ti stanno dando un lungo elenco di potenziali funzionalità che pensano possano risolvere il problema, invece di spendere molto tempo solo a parlare di quale sia il loro problema. Quanto spesso lo sperimentano? Quanto è intenso? Sono disposti a pagare per una soluzione? Conoscono altre persone che hanno lo stesso problema? Quindi, queste sono le domande che cercherei di ottenere da qualcuno. E se vedi qualcuno che si intrufola nella zona delle funzionalità, tipo “Oh, sai, adoro Microsoft Word, ma vorrei che, ad esempio, qualcuno potesse creare qualcosa che mi permetta di fare blah, blah, blah, blah, blah,” giusto , che devi ridurlo a: “Oh, beh, perché vuoi fare blah, blah, blah, blah, blah? Che problema hai? Quanto spesso incontri quel problema?” E, tipo, tornare al problema. È così che eviti la morte del film. È estremamente comune.

Donna 2: Mi ritrovo a camminare su quella linea molto sottile tra restare concentrata sul mio MVP e cambiarlo perché trovo una cosa migliore. Quindi, ho iniziato con il mio MVP parlando con tutti i miei potenziali utenti e ho detto: “No, no, no, no. Dobbiamo fare questo, dobbiamo fare questo, dobbiamo fare questo”. Quindi, tipo, prendo i miei farmaci per l’ADD e continuo con quello che ho iniziato, o quando ti fermi e dici, okay, questo merita un cambiamento?

Michael: Oh sì. Scusa. Quindi la domanda è: sono bloccato in questo ciclo in cui continuo a cambiare il mio MVP e non mi avvio. Ovviamente, molte persone sono bloccate in questo ciclo e ci sono molti problemi di avvio in cui la risposta è “smetti di fare quello che stai facendo”. Smettila e basta. Ad esempio, non devi continuare a cambiare il tuo MVP. Uno dei motivi per cui forse stai cambiando il tuo MVP è perché pensi che sia speciale. Se non pensassi che fosse speciale, smetteresti di cambiarlo. Smetteresti di modificarlo.

Donna 2: Non capisco. Spiegatelo di nuovo.

Michael: Se pensi che il tuo MVP sia speciale, pensi che debba essere perfetto. Se pensi che debba essere perfetto, passi molto tempo a giocarci. Se presumi che debba essere davvero schifoso, giusto? Ad esempio, se pensi, “Okay, sto letteralmente cercando una maglietta nel mio armadio con cui posso dipingere e poi distruggere”, non passi molto tempo a cucire quella maglietta, giusto? Quindi, se pensi che il tuo MVP sia meno speciale, passerai meno tempo ad armeggiarci.

Uomo 1: Supponiamo che tu lanci un MVP e stai cercando feedback, quali sono le cose principali che vuoi chiedere ai tuoi utenti?

Michael: Questa è una domanda davvero semplice. Qual è la cosa fondamentale che vuoi imparare quando vuoi ricevere feedback sul tuo MVP? Risolve il problema che voglio che risolva? Questo è tutto. Puoi trovare 80 modi diversi per rispondere a questa domanda, ma se capisci chiaramente il problema che stai cercando di risolvere, allora è abbastanza chiaro… spesso, non devi chiedere. Se è di fronte all’utente, puoi vedere se sta facendo la cosa che vuoi che faccia o se non lo stia facendo. Spesso lo si vede dai numeri. Se si tratta di un problema che hanno ogni giorno e tu lo hai presentato a un utente, è tornato il giorno successivo? Non ho mai visto un prodotto che risolva un problema che le persone hanno ogni giorno, che risolva effettivamente il problema, dove un utente smette di usarlo perché, tipo, qualunque cosa. Quindi, ci sono molte sfumature strane che sono completamente irrilevanti. L’utente fa la cosa, risolve il problema che vuoi che risolva? Altre domande? Qui dietro?

Uomo 2: Quanto dovrebbe durare un MVP? Voglio dire, inizi a crescere e poi quali sono i passi successivi?

Michael: Sai cosa c’è di divertente nelle startup? Non mi piace pensare alle scadenze e non penso ai collegamenti alle tabelle di marcia. Ad esempio, per le persone che sono nella fase pre-MVP, chi lo sa? Lancia qualcosa. Scoprilo. Hai deciso di creare una startup e una delle caratteristiche delle startup è che non sarà chiaro come arrivare dalla A alla Z. Quindi, se sei troppo concentrato su “Oh, beh, capisco che arrivare a MVP è il passaggio B, ma sono davvero concentrato sui passaggi C, D ed E”, ti direi “Ehi, che ne dici di risolvere prima il problema che hai di fronte?” Sì?

Uomo 3: Quindi, come si bilancia, ad esempio, il miglioramento dell’MVP per aumentare la fidelizzazione dei clienti, rispetto allo scommettere sugli sforzi per aumentare l’acquisizione e la rigenerazione, in termini di problemi?

Michael: Dopo l’MVP, dovresti lavorare sulla crescita o sulla fidelizzazione? Adoro questa domanda. È la domanda più divertente del mondo, perché mi permette di dare una risposta ridicolmente preconfezionata. Entrambi. Sì. Ecco cosa succede. Molti fondatori capiscono fondamentalmente che l’avvio è un problema con più variabili, ma i problemi con più variabili sono difficili. Quindi cercano di ridurlo a un’unica variabile. Quindi chiedono al consigliere segreto, “Oh, cosa è più importante, la crescita o la fidelizzazione?” Ed è come, cosa è più importante, tipo, farsi una doccia o andare in bagno e, tipo, fare la numero due? Vorrei che tu facessi entrambe le cose. Scusa. Entrambi sono importanti. Come fondatore, dovrai destreggiarti tra più cose. Sì. Va bene.

Uomo 4: Va bene. Puoi condividere una storia, ad esempio, con una startup che non ha potuto parlare con gli utenti finali perché gli utenti finali non volevano parlare del problema e di come lo hanno superato, se lo sai.

Michael: Cerchiamo di essere chiari. La domanda è: come parli ai tuoi utenti se hanno un problema di cui non vogliono parlare? Perché non mi dici di cosa si tratta?

Uomo 4: Diabete di tipo due.

Michael: Diabete di tipo due. Sono perfettamente fiducioso che tu possa trovare 10 persone che vogliono parlare del loro diabete di tipo due. E ti chiedo di avviare una startup per aiutare le persone con diabete di tipo due se non conosci nessuno che abbia il diabete di tipo due e che sia disposto a parlare con te. Quindi penso che sia una di quelle false configurazioni. Ad esempio, rifiuto la premessa della domanda. Va bene, prossima domanda. Andare avanti.

Donna 3: Quante persone basterebbero per iscriversi, oppure quanti utenti attivi sarebbe bene avere nell’MVP prima di presentarlo agli investitori, ad esempio, in base a quale metrica… o dimensione del mercato?

Michael: Questa è un’ottima domanda. Se dovessi riassumere, direi: a che punto sei prima di parlare con gli investitori? Puntarò anche su quella risposta. Penso che ci sarà un’intera conferenza su quando dovresti parlare con gli investitori. E quindi, dirò, aspetta quella conferenza, e chiunque la terrà farà un ottimo lavoro nel rispondere a questa domanda.

Donna 5: La mia domanda è: che tipo di numeri o trazione dovresti cercare prima che il tuo prodotto venga convalidato?

Michael: Riformulerò la domanda. Come fai a sapere se il tuo prodotto è in linea con il mercato? Va bene. La risposta classica, che in realtà è corretta e che i fondatori odiano davvero, è che se lo stai chiedendo, non sei adatto al mercato del prodotto. Ciò che tende ad accadere quando si ha un adattamento del prodotto al mercato è che le persone iniziano a utilizzare il tuo prodotto così tanto che passi dal fare qualsiasi cosa, oltre al semplice mantenerlo online. Ecco come tende ad apparire l’adattamento del prodotto al mercato. Quindi, smetti di pensare alle nuove funzionalità. Smetti di pensare a migliorare la tua conversione attraverso le canalizzazioni. Smetti di pensare a come ottenere una migliore distribuzione. E tu letteralmente dici: “Porca miseria, non so come servirò le persone che verranno al mio prodotto domani. Sono perplesso. E la prossima settimana, sono a un punto morto.” perdita. E sono abbastanza sicuro che moriremo, perché abbiamo troppi utenti.”

E la cosa divertente è che, se la metto così, non è difficile sapere se sei lì oppure no. E la realtà così orribile è che quasi nessuno riesce ad adattarsi al mercato del prodotto. Quasi nessuno. Quasi nessuno. Quindi, a molte persone piace aggirare il termine, e a molte persone piace ridefinirlo come, “Qualcuno sta usando il mio prodotto”. Non è questo il termine. Il termine per indicare che qualcuno utilizza il tuo prodotto è “Hai un utente”. Il che è positivo, ma non è adatto al mercato del prodotto. Nella parte posteriore.

Uomo 5: Più utenti parliamo, più la definizione del problema diventa sempre più grande. Quindi, quando scopri l’MVP, da dove inizi? Abbiamo iniziato a lavorare con un solo utente e abbiamo provato a fare un piccolo esperimento con loro, ma abbiamo imparato più attributi del problema stesso.

Michael: Quindi, cosa succede se impari di più sul problema e il problema si espande quando inizi a interagire con gli utenti? Va benissimo. Questo è previsto, in effetti. Quello che direi, però, è che il punto in cui i fondatori di solito commettono l’errore è pensare di dover risolvere il problema per tutti gli utenti. E quindi, cosa più importante, se hai un utente con una serie di problemi, una cosa carina da fare sarebbe cercare di capire, c’è qualcun altro come loro? E, ad esempio, una cosa divertente che potresti fare è semplicemente chiedere loro: “Ehi, conosci qualcun altro che ha il tuo stesso identico problema?” Qualsiasi problema, quando torni indietro e pensi alla visione di qualsiasi fondatore, in realtà comprende un intero sottoinsieme di problemi. E penso che la cosa che fa davvero incasinare le persone con il loro MVP è che hanno una visione grande e non sono disposte ad avere un MVP piccolo.

Hanno la sensazione che se non si rivolgono a tutti i potenziali utenti in anticipo, in qualche modo stanno fallendo. E, ad esempio, ci sono molte cose che una startup deve fare, un fondatore deve fare, dove tengono a mente due cose contemporaneamente, giusto? Visione grande, MVP piccolo, giusto? Crescere e conservare. Una cosa di cui parliamo molto in YC: la tua presentazione da investitore e quella da cliente, molto diverse. E, giusto, i fondatori vogliono sempre mettere insieme queste cose o ucciderne una, perché è molto più facile pensarlo come un unico problema, come una singola cosa nella tua testa, rispetto a due cose opposte nella tua testa. Come potrebbe essere vero che vogliamo effettuare pagamenti per tutti e avere una piccola API così difficile da usare che dobbiamo installarla per le persone, giusto? Ed è come se entrambe le cose fossero vere e devi sentirti a tuo agio con questo. Va bene. Ancora uno.

Uomo 6: Nel settore farmaceutico, i miei utenti saranno scienziati o saranno effettivamente pazienti?

Michael: Nel settore farmaceutico, chi sono i tuoi utenti? Penso che sia una domanda per te. Stavi fondando l’azienda, sai cosa stai costruendo, conosci un problema che stai risolvendo, sai chi ha il problema. Non so nessuna di queste cose. Va bene. È stato fantastico parlare con tutti voi. Grazie mille.

10160cookie-checkCome realizzare un MVP (Minumum Viable Product)

Vuoi rimanere aggiornato su tutto quello che pubblico? Iscriviti alla newsletter

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo su

Lascia un commento

Giovanni D'Addabbo growth hacker e imprenditore seriale

Giovanni è un imprenditore focalizzato sul growth hacking. Fondatore della Rhubbit srl.

Ultimi Articoli

down-arrow

Pillole di Growth Hacking

down-arrow
Categorie

Scansiona il qrcode con il tuo cellulare e contattami