Dinnr

Condividi se ritieni sia un contenuto di valore

Dinnr era una startup nata nel Regno Unito e animata da un ottimo obiettivo, eppure è fallita per un unico motivo...

A differenza di Vine, Dinnr ha avuto un solo round di investimento e non è stato importante in termini monetari ma è estremamente importante per noi per imparare dagli errori degli altri. Continua a leggere questo nuovo articolo della rubrica Fast To Fail per scoprire cosa non ha funzionato esattamente e perché!

INFORMAZIONI GENERALI
Categoria: Food & Beverage
Paese: Regno Unito
Anno di inizio: 2012
FALLIMENTO
Risultato: Chiusura
Causa: nessun bisogno soddisfatto
Chiusura: 2014
FONDATORI E DIPENDENTI
Numero di fondatori: 2
Nome dei fondatori: Adil Mohammed, Michal Bohanes
Numero di dipendenti: 1-10
FINANZIAMENTI
Numero di round di finanziamento: 1
Importo totale del finanziamento: £ 60.000
Numero di investitori: 1
Scheda riassuntiva

Cos’era Dinnr?

Dinnr era una piattaforma web che permetteva ai clienti di selezionare una ricetta sul sito web e ordinare ingredienti predosati accompagnati da istruzioni stampate che sarebbero state consegnate loro lo stesso giorno. Gli unici oggetti che i clienti dovevano avere in casa, oltre a una cucina attrezzata, erano olio, sale e pepe. Dinnr non ha fornito cibo pronto, ha fornito al cliente solo ingredienti e istruzioni. Un’eccezione è stata fatta per le celebrazioni popolari come San Valentino, Natale e Ringraziamento, dove offrivano effettivamente pasti pronti speciali.

Perché Dinnr è fallita?

Dinnr è fallita perché fin dall’inizio non c’era una reale esigenza del mercato per l’attività. Inoltre, se le persone avessero mercati e superstore vicino casa loro (come spesso accade nei paesi sviluppati), non ci sarebbe bisogno che ordinino l’ingrediente quando potrebbero andare da soli a comprare ciò di cui hanno bisogno. Dinnr si è concentrato sulla fornitura e la consegna degli ingredienti, ma la realtà è che la maggior parte dei potenziali clienti avrebbe preferito ordinare pasti già pronti invece del solo ingrediente che dovrà poi preparare. E mentre il prodotto avrebbe potuto essere utile in alcuni casi, la domanda di tale prodotto era bassa e si traduceva in un margine di profitto basso.

Il team Dinnr sembra avesse sviluppato un prodotto che gli è piaciuto personalmente senza prima condurre ricerche di mercato approfondite. Hanno condotto poche interviste e si sono concentrati sul marketing del loro servizio piuttosto che sull’indagine sulle sfide che il cliente medio deve affrontare con la spesa. Hanno trascurato il fatto che proporre un prodotto invece di condurre solide ricerche di mercato fornisce ottime statistiche sulla carta, ma spesso non porterà altro che delusione dopo il lancio del prodotto.

Inoltre, all’inizio, Dinnr si poneva obiettivi mensili elevati, ma erano troppo ambiziosi e il fallimento nel soddisfare le proprie aspettative avrebbe potuto infliggere loro un ulteriore colpo mentale.

Approfondisci su

8050cookie-checkDinnr

Vuoi rimanere aggiornato su tutto quello che pubblico? Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Giovanni D'Addabbo growth hacker e imprenditore seriale

Giovanni è un imprenditore focalizzato sul growth hacking. Fondatore della Rhubbit srl.

Ultimi Articoli

down-arrow

Lookery

Lookery è partita trovando una bella falla da coprire, ha raccolto ben 3.2 milioni e dopo neanche 2 anni ha chiuso i battenti perché…

Leggi tutto »

Dinnr

Dinnr era una startup nata nel Regno Unito e animata da un ottimo obiettivo, eppure è fallita per un unico motivo…

Leggi tutto »

Vine

Se Vine aveva centinaia di milioni di utenti al suo apice, perché si è chiuso? Perché TikTok sta facendo meglio di Vine se le due app sono molto simili? In questo articolo molto approfondito andiamo ad analizzare i 6 motivi che hanno portato Vine alla chiusura nonostante fosse il primo arrivato nel suo oceano blu.

Leggi tutto »

Pillole di Growth Hacking

down-arrow
Categorie
Open chat
Ciao, posso aiutarti in qualche modo?
Premi il tasto a forma di freccia per avviare la chat