PepperTap

Condividi se ritieni sia un contenuto di valore

PepperTap era un'azienda con 5000 dipendenti e 50 milioni di dollari di finanziamenti, eppure ha chiuso i battenti per via di molti errori di valutazione, sarebbe potuta andare diversamente? Forse si. Inoltre, quante aziende italiane sembra stiano commettendo gli stessi errori? A te la risposta che potrai scrivere nei commenti

Com’è stato possibile che PepperTap, un’azienda con quasi 5000 dipendenti e oltre 50 milioni di dollari di finanziamento abbia chiuso i battenti? Lo scopriamo in questo nuovo articolo della rubrica Fast To Fail. Inoltre dopo la lettura, non trovi che molte startup nel settore Food & Beverage stiano facendo gli stessi errori?

INFORMAZIONI GENERALI
Categoria: Food & Beverage
Paese: India
Anno di inizio: 2014
FALLIMENTO
Risultato: Chiusura
Causa: Prodotto non all’altezza
Chiusura: 2016
FONDATORI E DIPENDENTI
Numero di fondatori: 2
Nome dei fondatori: Milind Sharma, Navneet Singh
Numero di dipendenti: 1000-5000
FINANZIAMENTI
Numero di round di finanziamento: 4
Importo totale del finanziamento: $ 52,2 milioni
Numero di investitori: 7
Scheda riassuntiva

Cos’era PepperTap?

PepperTap ha fornito una piattaforma per lo shopping online che rispondeva all’esigenza dei clienti di acquistare generi alimentari dai mercati locali consegnando la merce a casa loro. Si rivolge ad acquirenti di diversi gruppi di città, divisi in tre livelli. Il servizio aiuta a risolvere i problemi di lunghe code al mercato, parcheggi limitati e intermediari manipolatori. Grofers, il loro principale concorrente, si è concentrato solo sulle grandi città per ridurre i costi di gestione. Un altro loro forte concorrente è BigBasket che gestisce il proprio inventario e opera come un mega grossista, mentre PepperTap ottiene il proprio inventario da fornitori locali.

Perché PepperTap è fallita?

Tra i motivi per cui l’azienda ha chiuso anche dopo aver ricevuto ingenti investimenti da parte degli investitori, c’era la profonda percezione nella mente dei clienti che le piattaforme online dovessero fornire soluzioni più economiche alle loro esigenze. Per soddisfare tali aspettative, PepperTap ha offerto sconti e vendite sproporzionati rispetto alla forza del loro account. Inoltre, PT non è riuscita a valutare la scalabilità del proprio progetto prima della sua piena espansione, che ha causato problemi legati alla tecnologia. Ad esempio, alcuni segmenti di prodotti non potevano essere raggiunti dai clienti sulla piattaforma.

PepperTap è entrata nel settore della spesa online senza una preparazione sufficiente. Non ha riconosciuto la necessità di ingenti finanziamenti, vasto assortimento, prezzi competitivi e gestione dell’inventario.

Mentre il 2015 è stato un grande anno per le startup e PepperTap è stata in grado di trovare investitori di rischio in modo relativamente semplice, il 2016 ha portato uno scenario diverso. Le startup di tutto il mondo hanno dovuto affrontare un rallentamento delle attività di VC e PepperTap ha dovuto piegarsi alla situazione. I costi che l’azienda ha dovuto sostenere sono stati elevati rispetto al profitto che ha realizzato. Dal momento che operavano senza il proprio inventario, dovevano pagare per l’esternalizzazione della gestione dell’inventario, oltre a tecnologia, operazioni, ecc.

I fondatori di PT hanno anche sottolineato che il fatto che il mercato indiano fosse ancora impreparato a questo tipo di servizio è stato preso in considerazione come motivo che li ha portati a sospendere le loro attività. La tariffa di consegna per la consegna a domicilio è stata considerata troppo alta, in particolare nelle città o nelle aree di secondo e terzo livello in cui la presenza di fattorini (kirana) era comune e c’è stata una dura concorrenza alla strategia della piattaforma online.

La spesa è anche l’attività ricreativa preferita dagli indiani dopo il lavoro ed è spesso vista come un’attività che riunisce la famiglia, rendendola un’ulteriore sfida culturale per le attività di alimentari su Internet in India.

7840cookie-checkPepperTap

Vuoi rimanere aggiornato su tutto quello che pubblico? Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Giovanni D'Addabbo growth hacker e imprenditore seriale

Giovanni è un imprenditore focalizzato sul growth hacking. Fondatore della Rhubbit srl.

Ultimi Articoli

down-arrow

Lookery

Lookery è partita trovando una bella falla da coprire, ha raccolto ben 3.2 milioni e dopo neanche 2 anni ha chiuso i battenti perché…

Leggi tutto »

Dinnr

Dinnr era una startup nata nel Regno Unito e animata da un ottimo obiettivo, eppure è fallita per un unico motivo…

Leggi tutto »

Vine

Se Vine aveva centinaia di milioni di utenti al suo apice, perché si è chiuso? Perché TikTok sta facendo meglio di Vine se le due app sono molto simili? In questo articolo molto approfondito andiamo ad analizzare i 6 motivi che hanno portato Vine alla chiusura nonostante fosse il primo arrivato nel suo oceano blu.

Leggi tutto »

Pillole di Growth Hacking

down-arrow
Categorie
Open chat
Ciao, posso aiutarti in qualche modo?
Premi il tasto a forma di freccia per avviare la chat