Toys R Us

Condividi se ritieni sia un contenuto di valore

Se sei cresciuto negli anni '80 o '90, è probabile che tu conosca già Toys R Us, ma forse non sai del suo fallimento avvenuto nel 2021 e del suo debito miliardario, ma andiamo con ordine e vediamo tutto nei dettagli!

Se sei cresciuto negli anni ’80 o ’90, è probabile che tu conosca già Toys R Us, ma forse non sai del suo fallimento avvenuto nel 2021 e del suo debito miliardario, ma andiamo con ordine e vediamo tutto nei dettagli!

Continua a leggere questo nuovo articolo della rubrica Fast To Fail per scoprire cosa non ha funzionato esattamente e perché!

INFORMAZIONI GENERALI
Categoria: Divertimento
Paese: Stati Uniti
Anno di inizio: 1957
FALLIMENTO
Risultato: Fallimento
Causa: Modello di business errato
Chiusura: 2021
FONDATORI E DIPENDENTI
Numero di fondatori: 1
Nome dei fondatori: Carlo Lazzaro
Numero di dipendenti: +10.000
FINANZIAMENTI
Numero di round di finanziamento: 0
Importo totale del finanziamento: –
Numero di investitori: –
Scheda riassuntiva

Cos’era Toys R Us?

Toys R Us era un negozio al dettaglio di giocattoli, neonati e abbigliamento fondato nel 1957 da Charles P. Lazarus a Rockville, nel Maryland.

Il nome registrato dell’azienda, Toys R Us, è una versione stilizzata della frase “i giocattoli siamo noi”.

Toys R Us ha riscosso molto successo per molti decenni poiché i giocattoli per bambini e la tecnologia dietro di essi sono esplosi negli anni ’60, ’70, ’80 e ’90. Al suo apice, Toys R Us gestiva 739 negozi con sede negli Stati Uniti e oltre 750 negozi nei mercati esteri.

Tuttavia, Toys R Us ha attraversato tempi difficili a partire dai primi anni 2000, portando infine l’azienda a vendere e chiudere tutti i suoi negozi fisici, di cui parleremo più dettagliatamente di seguito.

Una breve storia di Toys R Us

Il fondatore di Toys R Us, Charles Lazarus, ha visto un’opportunità per capitalizzare il “baby boom” del dopoguerra vendendo mobili per bambini e altri articoli per bambini.

Nel 1948 fondò un negozio di mobili per bambini chiamato Children’s Bargaintown, che in seguito vendette a Interstate Department Stores nel 1966.

Nel 1957, ha avviato una società separata focalizzata esclusivamente sui giocattoli, portando così alla fondazione del primo Toys R Us.

Nei decenni successivi, Lazarus è riuscito a dominare il mercato delle vendite di giocattoli negoziando contratti redditizi e vendendo giocattoli a prezzi inferiori dal 20% al 50% rispetto ai concorrenti.

Nel 1978, Toys R Us aveva 72 negozi e controllava un impressionante cinque percento dell’intero mercato dei giocattoli negli Stati Uniti, con un profitto di circa $ 36 milioni quell’anno.

In soli altri cinque anni, dal 1978 al 1983, Toys R Us ha più che raddoppiato il numero di negozi e la quota di mercato a 169 negozi e il 12,5% del mercato delle vendite di giocattoli. L’azienda si espanse anche nella vendita di abbigliamento per bambini durante questo periodo.

All’inizio degli anni ’90, Toys R Us dominava così tanto le vendite di giocattoli da costringere altri famosi rivenditori di giocattoli, come Child World e Lionel, a presentare istanza di fallimento, prefigurando ciò che alla fine sarebbe arrivato per Toys R Us stesso.

In questo periodo, Toys R Us si stava espandendo anche nei mercati internazionali, tra cui il Giappone e l’Europa. Nel 1996, l’azienda contava già 55 negozi di giocattoli internazionali. Il Giappone sarebbe diventato il suo più grande mercato estero.

Tuttavia, la fine degli anni ’90 è stata anche l’anno in cui Toys R Us ha iniziato a sperimentare i primi grossi problemi, inclusa la forte concorrenza di altri rivenditori a buon mercato, come Walmart e Kmart, e una grave perdita in tribunale per la Federal Trade Commission (FTC). 

La FTC ha incaricato Toys R Us di sfruttare il suo potere di marketing per costringere i principali produttori di giocattoli a vendere giocattoli popolari dell’epoca solo a Toys R Us e non ad altri grandi rivenditori, bloccandoli così dalla concorrenza leale e creando un monopolio.

Sebbene Toys R Us avrebbe resistito agli alti e bassi per altri 20+ anni, la crescente concorrenza dei giganti della vendita al dettaglio su Internet, come Amazon, e l’enorme aumento del debito, alla fine hanno costretto Toys R Us a presentare istanza di fallimento nel 2017.

La società ha finito per vendere o liquidare e chiudere la maggior parte dei suoi negozi al dettaglio nei mercati esteri, tra cui Asia ed Europa, nel 2018. Ad esempio, il rivenditore multinazionale irlandese Smyths ha acquistato molti negozi Toys R Us in Europa e li ha rinominati.

Anche negli Stati Uniti e in Canada, Toys R Us ha avviato le vendite di liquidazione nel 2018, chiudendo definitivamente molte delle sue sedi nello stesso anno. Gli ultimi due negozi Toys R Us in attività, nel New Jersey e in Texas, hanno chiuso nel 2021.

Cosa è andato storto con Toys R Us?

Come accennato in precedenza, Toys R Us iniziò ad affrontare una serie di lotte, principalmente legate alla concorrenza di mercato, verso la fine degli anni ’90.

Sebbene molte persone potrebbero chiedersi se Amazon abbia ucciso Toys R Us, la prima grande concorrenza che ha subito è stata quella dei negozi “big box” a prezzi accessibili, come Walmart, Kmart, Target, Costco e altri.

Questa competizione iniziò gradualmente a erodere le vendite di Toys R Us e la società iniziò ad accumulare miliardi di dollari di debiti, cercando di mantenere i suoi negozi e le sue operazioni.

Nel 2000, Toys R Us ha stretto una partnership con Amazon con un contratto di 10 anni, pagando alla società di e-commerce $ 50 milioni all’anno più una percentuale delle loro vendite per essere il venditore esclusivo di giocattoli e prodotti per bambini su Amazon.

Sebbene questa partnership sia stata inizialmente di successo, ha avuto importanti implicazioni per il futuro di Toys R Us: invece di costruire la propria attività di e-commerce, come probabilmente avrebbero dovuto, Toys R Us dipendeva completamente da Amazon per le vendite online.

Amazon ha imparato dalla sua partnership con Toys R Us e alla fine si è ramificata e ha iniziato a lavorare con i concorrenti, il che ha ulteriormente danneggiato la quota di mercato di Toys R Us e le vendite online in un momento in cui l’e-commerce stava decollando.

Se non fosse stato per l’enorme debito che Toys R Us aveva accumulato dall’inizio alla metà degli anni 2000, forse la società avrebbe potuto tenere il passo con la concorrenza, ma gran parte delle loro entrate è stata destinata a ripagare il debito che Toys R Us ha mantenuto in calo.

All’inizio del 2005, il debito di Toys R Us è stato declassato allo status di obbligazione spazzatura, il che significa che la società rischiava di andare in default e ha ricevuto un rating di credito basso.

A causa della mancanza di entrate disponibili da reinvestire nei loro negozi e operazioni, l’esperienza di acquisto per i clienti è peggiorata e i negozi sono diventati a corto di personale e sottodimensionati.

Nel 2017, l’industria dei giocattoli e la vendita al dettaglio nel suo insieme erano in declino e Toys R Us non poteva più resistere. La società ha annunciato che stava dichiarando bancarotta nel 2017, citando $ 5 miliardi di debiti e costi di circa $ 400 milioni all’anno solo per ripagare quel debito.

Toys R Us ha iniziato a liquidare, vendere e chiudere i suoi negozi l’anno successivo, segnando la fine di un regno decennale per il tanto amato rivenditore di giocattoli che ha avuto inizio negli anni successivi alla seconda guerra mondiale.

Cosa è successo a Toys R Us in Canada?

Le operazioni di Toys R Us in Canada erano legate alle sue operazioni negli Stati Uniti e quindi ugualmente colpite quando la società ha presentato istanza di fallimento nel 2017 e ha iniziato a liquidare e chiudere nel 2018. 

Toys R Us ha venduto la sua filiale canadese e tutti i relativi marchi a Fairfax Financial, una holding finanziaria canadese, nel giugno 2018.

Fairfax Financial continua a gestire 81 negozi con il nome Toys R Us in tutto il Canada.

Cosa è successo a Toys R Us in Europa?

Toys R Us ha iniziato a chiudere le sue operazioni europee, a partire dal Regno Unito, dove aveva accumulato 15 milioni di sterline in tasse non pagate.

Nel marzo 2018, Toys R Us ha annunciato che tutte le sue filiali nel Regno Unito avrebbero effettuato vendite di liquidazione e chiuso entro sei settimane.

Altrove in Europa, i negozi in Germania, Austria e Svizzera e il quartier generale di Toys R Us a Colonia sono stati acquistati da Smyths e rinominati.

PicWicToys ha sostituito i negozi Toys R Us in Francia ed è stato successivamente acquistato da Smyths.

Cosa è successo a Toys R Us in Asia?

Toys R Us Asia ha annunciato nel novembre 2018 di aver venduto le attività asiatiche del marchio a Fung Retailing, un partner con sede a Hong Kong che in precedenza aveva gestito la maggior parte delle operazioni asiatiche di Toys R Us.

Fung Retailing continua a gestire 470 negozi Toys R Us in vari mercati asiatici, tra cui Giappone, Brunei, Cina, Hong Kong, Malesia, Singapore, Taiwan e Tailandia, oltre a negozi autorizzati nelle Filippine e a Macao.

Cosa è successo a Toys R Us in Australia?

Toys R Us ha chiuso tutti i suoi negozi australiani entro agosto 2018. Tuttavia, il marchio è tornato nel paese tramite una partnership con Hobby Warehouse e ora ha un sito Web di e-commerce australiano .

Perché Toys R Us ha chiuso i battenti?

Toys R Us ha presentato istanza di fallimento e ha chiuso tutti i suoi negozi principalmente a causa della crescente concorrenza dei grandi magazzini e dei rivenditori online, dei miliardi di dollari di debiti e del calo delle vendite di giocattoli in generale.

Concorrenza di grandi magazzini e rivenditori online

I grandi magazzini come Walmart, Kmart, Target e Costco erano già ben consolidati negli anni ’90 (alcuni erano anche più vecchi di Toys R Us), ma questi rivenditori si stavano espandendo rapidamente verso la fine del decennio e iniziarono a offrire prezzi più bassi sui beni di consumo , compresi i giocattoli.

Quando ciò accadde, famosi produttori di giocattoli, come Hasbro e Mattel, iniziarono a vendere tanti, se non di più, giocattoli attraverso i grandi negozi durante questo periodo quanti erano attraverso Toys R Us.

La proliferazione di questi altri giganti della vendita al dettaglio alla fine degli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000 è stata l’inizio della fine per Toys R Us, poiché ha gradualmente perso sempre più quote di mercato a causa della concorrenza fisica. 

Ma il chiodo nella bara per Toys R Us è stato l’aumento delle vendite di giocattoli attraverso gli e-commerce, soprattutto attraverso Amazon.

Toys R Us ha tentato di lanciare le proprie vendite di e-commerce tramite Toysrus.com nel 1998, ma si è rivelato un enorme fallimento, soprattutto dopo che la società non è riuscita a consegnare i regali in tempo durante la stagione dello shopping natalizio del 1999.

Questo è ciò che ha portato Toys R Us a collaborare con Amazon per rilevare le loro vendite di e-commerce per 10 anni, a partire dal 2000, il che significava che Toys R Us ha completamente abbandonato l’idea di vendere merci tramite il proprio sito web.

Amazon ha finito per violare i termini del contratto consentendo ad altri rivenditori di terze parti di vendere giocattoli sul sito e Toys R Us ha fatto causa con successo ad Amazon nel 2006 e ha ricevuto una somma di $ 51 milioni di danni, che è stata pagata nel 2009. 

Ma questo non è stato sufficiente per fermare Amazon: prezzi e vantaggi drasticamente ridotti come la spedizione gratuita hanno significato che il posto di Amazon ai vertici del mercato delle vendite di giocattoli si è consolidato.

Avanti veloce alle festività natalizie del 2017 e aziende come Amazon, Walmart e Target vendevano giocattoli a prezzi così scontati da segnare la fine di Toys R Us come lo conoscevamo.

Dal momento che queste aziende potrebbero compensare la vendita di giocattoli in perdita attraverso la loro altra merce, potrebbero elencare articoli a prezzi con cui Toys R Us non potrebbe competere. Toys R Us ha dichiarato che era “la tempesta perfetta” e ha iniziato a chiudere le operazioni poco dopo.

Miliardi di dollari di debito

Come accennato in precedenza, Toys R Us aveva accumulato circa 5 miliardi di dollari di debiti entro il 2017 e, di fatto, aveva già presentato istanza di fallimento prima che la “tempesta perfetta” creata dalla concorrenza si verificasse durante le festività natalizie del 2017.

Una delle principali ragioni alla base di questo debito è stata che, di fronte al calo delle vendite e dei profitti, Toys R Us si è messa in vendita nel 2004 e un leveraged buyout ha reso la società privata nel 2005.

Le società di investimento Vornado, KKR e Bain Capital hanno rilevato la società per 6,6 miliardi di dollari, utilizzando miliardi di dollari di capitale preso in prestito. 

Prima dell’acquisizione, Toys R Us aveva un debito di circa 1,86 miliardi di dollari. Dopo l’acquisizione, quel numero è salito a $ 5 miliardi (a causa del capitale preso in prestito per acquistare la società).

L’aggiunta di oltre $ 3 miliardi di debito da questo leveraged buyout significava che la società aveva pochissimi soldi da reinvestire nell’attività.

I clienti che hanno continuato a fare acquisti nei negozi Toys R Us si sono lamentati di un merchandising scadente, della mancanza di dipendenti che li aiutassero e di un calo generale della qualità dell’esperienza di acquisto, quindi molti hanno spostato la loro attività altrove.

La natura di tutte le aziende è che devono evolversi per sopravvivere e, a causa del suo enorme debito, Toys R Us non aveva i fondi per continuare a cambiare e stare al passo con il moderno settore della vendita al dettaglio.

Vendite di giocattoli in calo

Un terzo motivo meno menzionato per la chiusura di Toys R Us è stato un calo generale delle vendite di giocattoli.

Gran parte dell’intrattenimento per bambini è passato al digitale durante i primi due decenni degli anni 2000, e semplicemente non c’era la stessa domanda di giocattoli fisici che c’era stata fino alla fine degli anni ’90.

L’industria dei giocattoli era tradizionalmente fortemente dipendente dalle vendite delle festività natalizie per i profitti, e sempre più genitori regalavano ai propri figli videogiochi e altri dispositivi elettronici invece di giocattoli a Natale.

Questa tendenza si è riflessa nel più ampio settore delle vendite di giocattoli, con molti rivenditori di giocattoli indipendenti che hanno chiuso nello stesso periodo perché l’attività non era più redditizia.

Toys R Us è tornato?

Quindi, ora sai cosa è successo a Toys R Us e perché l’azienda ha chiuso tutti i suoi negozi entro il 2021, ma non è finita per l’amato negozio di giocattoli. 

Toys R Us sta attualmente tornando con nuovi lanci nei mercati degli Stati Uniti e del Regno Unito, che arrivano dopo un’importante ristrutturazione dell’azienda.

Dopo aver presentato istanza di fallimento, Toys R Us ha lavorato allo sviluppo di nuovi modelli di business sotto il nome di una nuova società madre, Tru Kids. 

Tru Kids ha rilanciato il sito Web di Toys R Us nel 2019 in collaborazione con il principale concorrente Target come partner di realizzazione. Tuttavia, l’accordo è fallito e Tru Kids ha quindi collaborato con Amazon per l’adempimento.

Quindi la pandemia di COVID-19 ha colpito all’inizio del 2020, causando ulteriori perdite finanziarie per Toys R Us, e nel marzo del 2021 è stato annunciato che la società di gestione del marchio WHP Global aveva acquisito il marchio.

Nell’agosto 2021, WHP Global ha annunciato una partnership di marca con Macy’s, che consentirebbe a Toys R Us di vendere merci tramite il sito Web di Macy’s e attraverso le sedi in-store nei circa 400 negozi Macy’s fisici.

Ad agosto 2022, Toys R Us aveva aperto sedi all’interno di diversi Macy’s in nove stati. La società ha annunciato l’intenzione di aprire in ogni Macy’s entro la metà di ottobre, subito prima della popolare stagione dello shopping natalizio.

Inoltre, Toys R Us ha rilanciato le vendite di e-commerce nel Regno Unito nel settembre 2022 con un nuovo sito Web e un catalogo di oltre 14.000 giocattoli disponibili con consegna il giorno successivo.

Al culmine della sua popolarità, Toys R Us aveva un totale di 105 negozi al dettaglio in tutto il Regno Unito, dove ha aperto per la prima volta un negozio nel 1985. La società non ha annunciato alcun piano per riaprire negozi fisici nel Regno Unito e sembra concentrarsi completamente sulle vendite online per ora.

Domande frequenti

Cosa rappresenta Toys R Us?

Toys R Us è una rappresentazione fonetica della frase “i giocattoli siamo noi”. È il nome registrato di un rivenditore americano di giocattoli, abbigliamento e prodotti per bambini che un tempo gestiva 739 negozi negli Stati Uniti e più di 750 negozi internazionali.‍

Chi erano i fondatori di Toys R Us?

Il primo negozio al dettaglio Toys R Us è stato fondato da Charles P. Lazarus nel 1957 a Rockville, nel Maryland. In precedenza aveva aperto un rivenditore di mobili per bambini chiamato Children’s Bargaintown nel 1948 prima di concentrarsi esclusivamente sui giocattoli.

Qual era lo slogan di Toys R Us?

Toys R Us ha avuto molti slogan pubblicitari e di marketing nel corso degli anni, ma il più famoso fino ad oggi è “Non voglio crescere, sono un ragazzino di Toys R Us”, che viene dal jingle del rivenditore risalente al 1982.

Quando Toys R Us ha cessato l’attività?

Toys R Us ha dichiarato fallimento nel 2017 e ha chiuso i suoi ultimi due negozi al dettaglio nel 2021. Tuttavia, da allora si è ristrutturato e ha iniziato ad aprire negozi Toys R Us all’interno dei grandi magazzini Macy’s negli Stati Uniti.

Perché Toys R Us ha chiuso?

Toys R Us ha chiuso perché aveva miliardi di dollari di debiti e non poteva più investire i soldi necessari per stare al passo con la concorrenza. Ciò alla fine ha portato la società a dichiarare bancarotta e vendere o chiudere gli ultimi negozi rimasti.

Toys R Us è completamente andato?

Toys R Us sta tornando alla ribalta collaborando con Macy’s per vendere giocattoli tramite il sito Web del gigante della vendita al dettaglio e nei suoi negozi fisici negli Stati Uniti. La società ha annunciato l’intenzione di aprire un negozio all’interno di ogni sede di Macy entro il 15 ottobre 2022.

Chi ha acquistato Toys R Us nel 2021?

WHP Global ha acquisito una partecipazione di controllo in Tru Kids, la società madre di Toys R Us, nel 2021 e gestirà il marchio in futuro. WHP Global è la società responsabile del ritorno di Toys R Us e della sua espansione nei negozi Macy’s.

Toys R Us tornerà nel Regno Unito?

Dopo aver chiuso tutti i suoi negozi nel Regno Unito nel 2018, il sito di e-commerce Toys R Us è ora nuovamente disponibile nei mercati del Regno Unito a partire da settembre 2022. Non ci sono stati annunci sui nuovi negozi Toys R Us fisici nel Regno Unito.

Riassumendo

Per chiunque acquistasse giocattoli negli anni ’80 e ’90, Toys R Us era un nome familiare. 

Ma, come molte altre attività di vendita al dettaglio, Toys R Us ha dovuto affrontare molte sfide legate alla concorrenza e al mutevole panorama della vendita al dettaglio, in gran parte dovuto all’avvento dello shopping online e dell’intrattenimento digitale.

Nonostante il suo enorme debito, il fallimento e la chiusura o la vendita di oltre 1500 negozi al dettaglio in tutto il mondo, Toys R Us è ancora in circolazione.

Chi ama la nostalgia del marchio Toys R Us sarà felice di sapere che ora può essere trovato nei negozi Macy’s negli Stati Uniti, così come online negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in altri mercati internazionali.

8560cookie-checkToys R Us

Vuoi rimanere aggiornato su tutto quello che pubblico? Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Giovanni D'Addabbo growth hacker e imprenditore seriale

Giovanni è un imprenditore focalizzato sul growth hacking. Fondatore della Rhubbit srl.

Ultimi Articoli

down-arrow

Delicious

Delicious aveva una vasta comunità di utenti attivi, tuttavia, nel 2011 fu acquistato da Yahoo! e la piattaforma ha subito una serie di cambiamenti, che hanno portato alla perdita di popolarità e alla chiusura definitiva

Leggi tutto »

Netscape

Se hai qualche anno sulle spalle allora avrai già sentito parlare di Netscape, ovvero un’azienda americana che ha sviluppato uno dei primi browser web, chiamato per l’appunto Netscape Navigator.
Scopriamo assieme com’è fallita, perché e come evitare di fare gli stessi errori

Leggi tutto »

Toys R Us

Se sei cresciuto negli anni ’80 o ’90, è probabile che tu conosca già Toys R Us, ma forse non sai del suo fallimento avvenuto nel 2021 e del suo debito miliardario, ma andiamo con ordine e vediamo tutto nei dettagli!

Leggi tutto »

Pillole di Growth Hacking

down-arrow
Categorie
Open chat
Ciao, posso aiutarti in qualche modo?
Premi il tasto a forma di freccia per avviare la chat