Vine

Condividi se ritieni sia un contenuto di valore

Se Vine aveva centinaia di milioni di utenti al suo apice, perché si è chiuso? Perché TikTok sta facendo meglio di Vine se le due app sono molto simili? In questo articolo molto approfondito andiamo ad analizzare i 6 motivi che hanno portato Vine alla chiusura nonostante fosse il primo arrivato nel suo oceano blu.

Se Vine aveva centinaia di milioni di utenti al suo apice, perché si è chiuso? Perché TikTok sta facendo meglio di Vine se le due app sono molto simili? Continua a leggere questo nuovo articolo della rubrica Fast To Fail per scoprire le risposte a queste domande!

INFORMAZIONI GENERALI
Categoria: Social Media
Paese: Stati Uniti
Anno di inizio: 2012
FALLIMENTO
Risultato: Chiusura
Causa: Molteplici motivi
Chiusura: 2017
FONDATORI E DIPENDENTI
Numero di fondatori: 3
Nome dei fondatori: Colin Kroll, Dom Hofmann, Rus Yusupov
Numero di dipendenti: 50-100
FINANZIAMENTI
Numero di round di finanziamento: 1
Importo totale del finanziamento: nessun dato
Numero di investitori: 2
Scheda riassuntiva

Cos’era Vine?

Vine era un sito Web di social media di hosting di video che consentiva agli utenti di creare e condividere video di 6 secondi. Un po’ come TikTok (ne parleremo più avanti).

Per contestualizzare il concetto, potresti dire che Vine ha cercato di fare ai vlog di YouTube la stessa cosa che Twitter ha fatto ai blog tradizionali. Twitter si pubblicizza come una piattaforma di social media di microblogging a causa delle sue restrizioni sulla lunghezza dei caratteri e delle funzionalità social (follow, retweet, ecc.). Allo stesso modo, Vine era una piattaforma di microvlogging a causa della limitazione della lunghezza del video combinata con funzionalità social simili.

Di conseguenza, ha molto senso che Vine sia stata acquisita da Twitter per $ 30 milioni prima ancora del lancio dell’app. Ha presentato a Twitter una comoda opportunità per competere con i giganti dei social media (considerevolmente più grandi) come Facebook e Google sui contenuti video.

Ovviamente, non tutto è andato secondo i piani. Nonostante sia innovativo e molto influente culturalmente, Vine è diventato parte della storia della tecnologia, delle startup e della cultura. Di seguito, esploreremo perché.

Perché Vine è fallita?

La risposta breve è: perché era un’attività non redditizia che stava perdendo popolarità rispetto ad altri servizi simili, in particolare Instagram. Bruciare denaro perdendo quote di mercato semplicemente non è sostenibile.

La risposta lunga, ovviamente, include molteplici ragioni. Perché Vine non era redditizio? Perché ha iniziato a perdere popolarità nonostante avesse il vantaggio della prima mossa?

Ecco i 6 principali motivi del fallimento di Vine:

1. Incapacità di soddisfare le esigenze del mercato

Vine è stato inizialmente concepito come una piattaforma di social media di microvlogging. Persone che condividono brevi clip video con la propria cerchia sociale.

Ciò che è diventato dopo il lancio, tuttavia, era qualcosa di completamente diverso : una piattaforma multimediale di intrattenimento. La maggior parte dei suoi utenti erano spettatori passivi che consumavano il contenuto di una minoranza di creatori di contenuti attivi. Più come YouTube, meno come Twitter/Facebook/Instagram.

L’intero ecosistema di Vine è stato costruito sulla base del lavoro dei famosi creatori di contenuti e, se se ne fossero andati per qualsiasi motivo, l’ecosistema si sarebbe sgretolato. In questo senso, la chiave del successo di Vine era assicurarsi che soddisfacesse perfettamente le esigenze dei suoi creatori di contenuti attivi per mantenerli coinvolti sulla piattaforma. Vine non è riuscito a farlo in due occasioni chiave:

In primo luogo, ha mantenuto la sua rigorosa durata di 6 secondi per troppo tempo , rendendo impossibile per i suoi creatori di contenuti sperimentare nuovi tipi di contenuti video in formato breve. Ad esempio, il vlogging effettivo. Non puoi condividere la tua opinione su un argomento in 6 secondi, ma potresti riuscire a farlo in un minuto.

In secondo luogo, i creatori di contenuti attivi dedicano molto tempo alla creazione di contenuti. Uno dei loro bisogni primari è un buon modo per essere pagati per i loro sforzi, altrimenti semplicemente non ha senso continuare a creare contenuti ad alto impegno.

Vine era un buon strumento per far crescere un pubblico, ma era uno strumento terribile per monetizzarlo. Quindi, aveva molto senso che una volta che un Viner fosse abbastanza grande, provassero a spingere il loro pubblico su altre piattaforme dove sarebbero stati in grado di essere pagati.

2. Problemi di monetizzazione

Tuttavia, il problema della monetizzazione non era limitato ai creatori di contenuti: nemmeno l’azienda reale stava facendo soldi. Vine era riluttante a sperimentare soluzioni di monetizzazione, il che non è così raro nelle startup con effetto rete in ipercrescita. Ciò significava, tuttavia, che quando la crescita era svanita non c’era più motivo per mantenere vivo il servizio.

Ad esempio, il denaro che scorre nell’ecosistema di Vine è stato per lo più sponsorizzazioni dirette per i migliori creatori di contenuti. Tuttavia, Vine non ha mai tentato di includere soluzioni di sponsorizzazione nella piattaforma. Twitter ha acquistato un’agenzia di talenti sui social media per cercare di monetizzare indirettamente, ma questa non è stata una buona soluzione ai problemi di Vine. L’agenzia non poteva incentivare i suoi clienti a rimanere su Vine invece di passare ad altri concorrenti, mentre un buon sistema di monetizzazione avrebbe potuto farlo.

3. Problemi di concorrenza

I concorrenti con un pubblico esistente, tasche profonde e una buona opportunità per entrare rapidamente nel mercato di Vine lo hanno fatto. Il video in formato breve è oggigiorno una funzionalità standard di molte delle app più popolari (Instagram, Snapchat, persino storie su Facebook, YouTube, ecc.).

Il primo e più grande colpo devastante è arrivato dalla funzione video di 15 secondi di Instagram.

“Il video di Instagram è stato l’inizio della fine” – citazione di un ex dirigente di Vine da un’intervista a The Verge .

Naturalmente, quando dimostri l’esistenza di un mercato e contemporaneamente non riesci a soddisfarne i bisogni, puoi essere certo che qualcun altro lo farà al tuo posto.

Problemi con la società madre

Uno dei motivi per cui Twitter ha acquisito Vine in una fase così precoce è stata la loro intenzione strategica di utilizzare Vine per far crescere il marchio e l’attività di Twitter. Ciò significa che Vine come marchio e prodotto autonomo non era la massima priorità dei suoi azionisti.

Ciò è più evidente dal fatto che Twitter è uscito con la sua funzione video, che ha praticamente invalidato la necessità dell’esistenza di Vine. Non sorprende che i dirigenti di Twitter stessero parlando dell’integrazione di tutte le soluzioni video di Twitter.

Perché Instagram ha avuto successo su Facebook, mentre Vine ha fallito su Twitter? Sospetto che il fatto che Instagram sia stato acquisito in una fase successiva della vita dell’azienda svolga un ruolo importante. Tieni presente che Facebook ha avuto problemi a rendere popolari le app rivolte ai consumatori.

Abbandono dei dirigenti, la mancanza di direzione e problemi di leadership

È un’assoluta certezza che i problemi di Vine con Twitter abbiano creato molti problemi per il business in modi sottili, meno visibili agli estranei. Qualunque fossero quei problemi, tuttavia, è un dato di fatto che Vine ha avuto problemi a mantenere i suoi dirigenti chiave. Due dei fondatori se ne sono andati nel 2014 (teoricamente l’anno migliore di Vine!), e il terzo è stato licenziato in seguito, il che almeno allude a un conflitto con i vertici di Twitter.

“Vine non ha spedito nulla di importante per un anno.” – Ankur Thakkar, in un’intervista per The Verge

Quando ci sono problemi al vertice, i problemi inevitabilmente ricadono su tutta la squadra. È difficile avere una buona leadership e un forte senso dell’orientamento e dello scopo in tali circostanze.

Vine vs TikTok

Quando si discute del fallimento di Vine, è importante portare TikTok nella conversazione per due ragioni molto ovvie:

  1. TikTok e Vine condividono un concetto molto simile.
  2. Vine ha fallito, mentre TikTok è probabilmente l’app più hot del mondo. TikTok ha più download su AppStore rispetto a YouTube, Instagram, Facebook, Snapchat, ecc.

Rendendo le cose ancora più interessanti, Vine è stato il primo motore sul mercato ed è stato comunque superato. TikTok è entrato nel mercato quando la concorrenza era molto, molto più agguerrita: le soluzioni video brevi sono abbondanti su tutte le grandi piattaforme. Eppure, ha un enorme successo.

Ma come è successo?

Vine vs tiktok

Piattaforma multimediale di intrattenimento e piattaforma di social media:

Nonostante un formato video corto simile, a differenza di Vine, TikTok capisce che non è in diretta concorrenza con Instagram. (Tieni presente che Facebook stava creando la propria app fotocopia: Lasso, nel tentativo di competere con TikTok. Questo non avrebbe senso se Facebook pensasse che Instagram fosse il loro concorrente di TikTok.)

I brevi video di TikTok sono diversi dalle storie. Il loro obiettivo è intrattenere il pubblico, piuttosto che condividere un momento con gli amici.

Per questo motivo, i creatori di contenuti di TikTok (e Vine) sono più vicini ai proprietari di canali YouTube. Sono intrattenitori professionisti, che cercano di passare la maggior parte della loro giornata a creare contenuti video e di essere pagati per questo.

Quindi, nonostante la pletora di piattaforme social con brevi funzionalità di video, la scomparsa di Vine ha lasciato un buco nel mercato dell’intrattenimento performativo di video brevi e TikTok ci è saltato dentro con grande successo.

E a differenza di Vine, TikTok sta facendo un buon lavoro rispondendo alle esigenze del mercato. Video di diverse lunghezze, funzionalità di remix, funzionalità di live streaming, ecc. Stanno anche spingendo le funzionalità di monetizzazione sia per i creatori di contenuti (ad es. donazioni durante i live streaming) che per la piattaforma (ad es. la soluzione pubblicitaria di TikTok).

L’importanza di TikTok:                                

TikTok è il primo esempio di app consumer cinese diffusa in tutto il mondo occidentale. L’app è di proprietà di un gigante tecnologico con le tasche profonde con sede a Pechino chiamato ByteDance.

Quando Vine ha dovuto affrontare problemi, la loro casa madre Twitter si è affrettata ad abbandonare il progetto: non era il core business dell’azienda e sopportare le perdite nei disperati tentativi di rianimarlo non aveva senso, soprattutto tenendo presente che Twitter non ha tanto denaro quanto gli altri giganti della tecnologia.

ByteDance probabilmente lotterebbe per sopravvivere molto più duramente se la loro app dovesse affrontare difficoltà. Ciò è reso ancora più probabile tenendo presente che in Cina gli interessi economici e governativi sono raramente separati. La portata mondiale di TikTok probabilmente gli conferisce un’importanza strategica, il che significa che anche se l’app non è redditizia, è estremamente improbabile che venga abbandonata.

A differenza di Vine, TikTok è probabilmente qui per restare.

Cosa sta succedendo ai Top Viners?

Come accennato, le stelle che sono diventate popolari su Vine hanno iniziato ad abbandonare la nave prima che la piattaforma fosse chiusa. In effetti, è il loro passaggio graduale alle piattaforme della concorrenza che è stata una delle ragioni principali dell’arresto finale di Vine.

Quindi, quasi tutti i famosi Viner come King Bach , Nash Grier , Lele Pons , Brittany Furlan , Rudy Mancuso , Josh Peck , Jerry Purpdrank , Logan Paul , Cameron Dallas e Alx James sono influencer professionisti con una presenza su più piattaforme: Instagram, Twitter , YouTube e, ovviamente, TikTok. A lungo termine, creare un pubblico su Vine ha dato i suoi frutti, anche se le opzioni di monetizzazione di Vine non erano così grandi.

In questo senso, nonostante il fallimento di Vine, è stato l’inizio di una breve rivoluzione del video di intrattenimento.

Domande frequenti

Chi ha creato Vine?

Vine è stata fondata da Dom Hofmann, Rus Yusupov e Colin Kroll.

Chi ha comprato Vine?

Vine è stato acquistato da Twitter nell’ottobre 2012 per $ 30 milioni.

Quando è uscito Vine?

Vine è stata fondata nel giugno 2012, acquisita da Twitter nell’ottobre 2012 e rilasciata ufficialmente il 24 gennaio 2013.

Quando era popolare?

L’app ha raggiunto il suo picco di popolarità a metà del 2013 quando è diventata l’app gratuita numero uno negli app store iOS e Android.

Quanto tempo duravano i video?

I video di Vine duravano 6 secondi, che è molto più breve dei video di TikTok.

Qual è stato il primo video?

Dick Costolo, l’allora CEO di Twitter, ha creato il primo video . Era un video di qualcuno che preparava una bistecca alla tartara in un ristorante francese di New York chiamato Les Halles.

Quando è stato chiuso?

Vine è stato chiuso il 17 gennaio 2017.

Quanto tempo è durato?

Vine è durato quasi 4 anni (24 gennaio 2013 – 17 gennaio 2017).

Perché ha chiuso?

La risposta breve è perché si trattava di un’attività non redditizia che stava perdendo popolarità rispetto ad altri servizi simili, in particolare Instagram. Bruciare denaro perdendo quote di mercato semplicemente non è sostenibile.

7940cookie-checkVine

Vuoi rimanere aggiornato su tutto quello che pubblico? Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Giovanni D'Addabbo growth hacker e imprenditore seriale

Giovanni è un imprenditore focalizzato sul growth hacking. Fondatore della Rhubbit srl.

Ultimi Articoli

down-arrow

Lookery

Lookery è partita trovando una bella falla da coprire, ha raccolto ben 3.2 milioni e dopo neanche 2 anni ha chiuso i battenti perché…

Leggi tutto »

Dinnr

Dinnr era una startup nata nel Regno Unito e animata da un ottimo obiettivo, eppure è fallita per un unico motivo…

Leggi tutto »

Vine

Se Vine aveva centinaia di milioni di utenti al suo apice, perché si è chiuso? Perché TikTok sta facendo meglio di Vine se le due app sono molto simili? In questo articolo molto approfondito andiamo ad analizzare i 6 motivi che hanno portato Vine alla chiusura nonostante fosse il primo arrivato nel suo oceano blu.

Leggi tutto »

Pillole di Growth Hacking

down-arrow
Categorie
Open chat
Ciao, posso aiutarti in qualche modo?
Premi il tasto a forma di freccia per avviare la chat