La Universal Hydrogen, pioniera del volo alimentato a idrogeno, fallisce

Condividi l’articolo su

Universal Hydrogen dopo aver raccolto 100 milioni di dollari ha dichiarato fallimento, andiamo ad esplorarne le cause per poter imparare qualcosa.
Universal Hydrogen

Nel 2023, Universal Hydrogen è diventata la prima compagnia a far volare un aereo alimentato principalmente a idrogeno.

Purtroppo però, la Universal Hydrogen non potrà più far volare il suo aereo. Questa settimana hanno annunciato la chiusura.

INFORMAZIONI GENERALI
Categoria: Aviazione
Paese: Stati Uniti
Anno di inizio: 2020
FALLIMENTO
Risultato: Fallita
Causa: Molteplici motivi
Chiusura: 2024
FONDATORI E DIPENDENTI
Numero di fondatori: 4
Nome dei fondatori: Jason Chua, John-Paul Clarke, Paul Eremenko, Jon Gordon
Numero di dipendenti: <50
FINANZIAMENTI
Numero di round di finanziamento: –
Importo totale del finanziamento: 100M $
Investitori: GE Aviation, American Airlines, e il gruppo costituito da Airbus, JetBlue e Toyota
Scheda riassuntiva

Perché parliamo di Universal Hydrogen

  • E’ un modello emblematico del fast to fail e del modello di startup americano che brucia una quantità di soldi impressionante pur di arrivare quanto prima a risultato SE possibile, quando non è possibile si cerca di rientrare o limitare al massimo le perdite
  • I viaggi aerei commerciali rappresentano ogni anno oltre il 2% delle emissioni di anidride carbonica legate all’energia
  • Il volo alimentato a idrogeno ha il potenziale per ridurre significativamente l’impronta di carbonio dell’aviazione
  • A differenza dei carburanti alternativi, che quando bruciati emettono comunque CO2, l’idrogeno non produce emissioni di carbonio
  • Universal Hydrogen aveva ottenuto molti risultati tecnologici apprezzabili nel campo dell’aviazione a idrogeno
  • Il fallimento della startup fa parte della sfida più ampia di garantire finanziamenti per iniziative di aviazione sostenibile

Chi era la Universal Hydrogen

Universal Hydrogen era una startup con sede a Los Angeles fondata con la missione di annullare le emissioni di anidride carbonica dei viaggi aerei.

La startup aveva una duplice strategia focalizzata sullo sviluppo parallelo sia degli aerei alimentati a idrogeno che delle necessarie infrastrutture per l’idrogeno.

Creando capsule modulari di idrogeno che potessero essere facilmente trasportate e scambiate, miravano a semplificare la logistica del rifornimento di idrogeno, affrontando uno dei principali ostacoli all’adozione dell’idrogeno nell’aviazione.

Quindi…perché è fallita?

Mancanza di finanziamenti: Universal Hydrogen stava raccogliendo un round di serie B che era quasi terminato, ma un investitore principale è fallito, provocando un deficit di liquidità. Gli sforzi per garantire finanziamenti azionari o di debito ed esplorare uscite strategiche non hanno avuto successo.

Cambiamenti nella leadership: la partenza del CEO fondatore Paul Eremenko nell’aprile 2024 ha aggiunto instabilità in un momento critico, complicando ulteriormente gli sforzi di raccolta fondi e la direzione strategica.

Fattori economici e politici: secondo Paul Eremenko, le società di private equity sono diventate meno ottimiste riguardo al piano aziendale di Universal Hydrogen a causa dei tassi di interesse più elevati, dei timori di una recessione imminente e della prospettiva di una seconda amministrazione Trump, in contrasto con il forte sostegno dell’amministrazione Biden per le opzioni di carburante a idrogeno.

Burocrazia: orientarsi nel panorama normativo si è rivelato difficile. Insieme ai vincoli di tempo, ciò ha ostacolato potenziali accordi con le compagnie aeree e altre parti interessate.

E ora?

Non tutto è perduto: spetta a ZeroAvia e Val Miftakhov costruire il futuro dell’aviazione a idrogeno.

Questa startup con sede in California rimane impegnata nello sviluppo di propulsori elettrici a idrogeno per gli aeroplani. Ad aprile hanno aperto uno stabilimento di produzione di 136.000 piedi quadrati a Everett e hanno annunciato l’intenzione di vendere componenti del sistema di propulsione ad altre società.

10940cookie-checkLa Universal Hydrogen, pioniera del volo alimentato a idrogeno, fallisce

Vuoi rimanere aggiornato su tutto quello che pubblico? Iscriviti alla newsletter

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo su

Lascia un commento

Giovanni D'Addabbo growth hacker e imprenditore seriale

Giovanni è un imprenditore focalizzato sul growth hacking. Fondatore della Rhubbit srl.

Ultimi Articoli

down-arrow

Pillole di Growth Hacking

down-arrow
Categorie

Scansiona il qrcode con il tuo cellulare e contattami